DIARIO DI UNA SCHIAPPA. Portatemi a casa!

Diario di una schiappa. Portatemi a casa! di Jell Kinney (Il Castoro)

Avevo dei pregiudizi su questo libro! E chi non ne ha? Io ne ho! E sui successi editoriali americani che vendono triglioni di copie e poi ci fanno i film e tutti ne parlano come si fa a non avere dei pregiudizi?
Invece mi sbagliavo. Perché è successo che eravamo in vacanza, in un posto tranquillo e sperduto e la grande aveva già finito i suoi libri da leggere. Così il bambino vicino di tenda le presta uno dei suoi.
"Ti do questo - le dice - fa morire dal ridere"
Lei lo legge in un pomeriggio. Ride un sacco, in effetti! Poi succede che anch'io finisco i miei libri da leggere e prendo in mano proprio quello. Stesa sulla sdraio mi immergo nella lettura di "Diario di una schiappa. Portatemi a casa!". Vedo mia figlia avvicinarsi allarmata.
"Mamma, ti prego - mi fa - copri almeno la copertina che sei ridicola!"
A parte questo, il libro è davvero divertente, mi è piaciuto un sacco, m'ha fatto ridere. Non è scontato come mi aspettavo. E alla fine siamo pure andati a vedere il film!

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

2 Risposta

  1. "Mamma copri almeno la copertina..." è memorabile! Ma guarda un pò questi ragazzetti che sono più "realisti del re"!???! Mi piace il tuo amare le favole (favole perchè la parola suona meglio di fiabe, ehehe! : - ). Mi piace molto il tuo sito e, se non sono di troppo, tornerò a trovarti con grande piacere. Buona domenica (di temporali qui).
    • La Silvi
      Ciao benvenuta passa quando vuoi. Anche noi siamo sotto la pioggia!!!

Lascia un commento