LA MERAVIGLIA

La meraviglia" di Loricangi, Fulmino Edizioni, Aprile 2017.

Ho questa amica che si chiama Chiara. Condividiamo la stessa passione. Solo che lei ha qualcosa che a me manca: riesce a prendersi sul serio! E quando serve sa usare parole senza ironia. Io non ci riesco, mai! Come adesso che vorrei parlare di questo libro che Chiara sa raccontare meglio di me. E allora le ho chiesto se posso usare le sue di parole...e lei per fortuna mi ha detto si!

Per induzione, per scoperta, empiricamente: solo così possiamo ritrarre la meraviglia! Per anni ho studiato concetti, imparato definizioni e amato i procedimenti teorici e deduttivi, ma lo stupore, quella bocca aperta che ti lascia senza fiato, nasce da un incontro, vero e reale, con una fonte di meraviglia. Quale è questa fonte? È forse il regno vegetale che all'improvviso "in un giorno particolarmente ispirato" senti e vedi per la prima volta, come il rumore del vento. O un arcobaleno dopo la pioggia? O è forse un'oca che ti becca i piedi, con piume bianchissime e sguardo allegro che sembra ti sorrida? Risiede nel regno animale la meraviglia? O forse in quella voce calda che con un grembiule imbrattato di farina ti sussurra "è pronto?" Sì, è vero non c'è niente di più intenso delle "persone umane", ma come fare a ritrarre ciò che non si vede? La meraviglia che nasce dalla gentilezza e dalla "bellezza interiore" come rappresentarla? Forse è proprio nel momento in cui guardiamo dentro noi stessi riconoscendo di amare qualcuno e di provare profonda ammirazione che quella bellezza, così volatile, così interiore, diventa presente e reale. È entusiasmante che ogni creatura possieda questa capacità, di stupirsi, meravigliarsi: da un incontro con una fonte di meraviglia a un incontro con noi stessi, quella finestra "dentro" che tutti noi abbiamo e che ci rende permeabili alla meraviglia che ci circonda. Questo albo è una palestra di stupore, uno stimolo prezioso a mettere in moto i nostri sguardi per praticare "esercizi di meraviglia", quotidiani. Mi ha "fulminato" a Bologna, lo sfoglio ogni giorno e ogni pagina mi ispira ad aprire la bocca con quello stesso sguardo di stupore che accompagna chi della meraviglia non è mai sazio.

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

Nessun commento ancora

Lascia un commento